Impronta di tasso

daniele ronconi
Messaggi: 625
Iscritto il: mar 25 ago 2009, 19:27

Impronta di tasso

Messaggioda daniele ronconi » gio 29 ott 2009, 16:04

Stamattina ero per lavoro in località Soarza, comune di Villanova d'Arda (PC): è una cava di sabbia attiva denominata Bella Venezia (dove con la mia Cooperativa stiamo facendo rimboschimenti): ho fotografato queste impronte, che mi sembrano di tasso. A cento metri dalle impronte l'anno scorso ho scoperto una grossa tana sulla scarpata che scende dal piano coltivazioni all'alveo del Po, che mi sembrava anch'essa di tasso. Confermate? Daniele Ronconi
impronte tasso.JPG
impronte tasso.JPG (97.84 KiB) Visto 4966 volte

Emanuele Fior
Messaggi: 724
Iscritto il: lun 8 set 2008, 15:56

Re: tasso?

Messaggioda Emanuele Fior » gio 29 ott 2009, 18:18

Confermo tasso. L'unico altro mammifero con cui è possibile confondere un'impronta simile è l'istrice; le differenze non sono enormi, però un paio abbastanza discriminanti sono la distanza dita-unghie (maggiore nel tasso) e la presenza del quinto dito (rudimentale e quasi invisibile nell'istrice).
Un consiglio per la prossima volta che fotograferai un'impronta, una fatta, o altre tracce simili: posiziona una moneta o un accendino a fianco del soggetto in modo che se ne possano stimare le dimensioni. ;)

Saluti
Emanuele

daniele ronconi
Messaggi: 625
Iscritto il: mar 25 ago 2009, 19:27

Re: Impronta di tasso

Messaggioda daniele ronconi » lun 11 gen 2010, 10:03

Oltre a quelle di capriolo e cinghiale ieri ho trovato anche queste tracce: accogliendo l'invito di Emanuele stavolta ho dato un elemento visivo per la misura, anzi un metro vero e proprio! La foto non è a fuoco, ma forse si può distinguere comunque tra tasso e istrice: cosa dovrebbe essere? Daniele Ronconi
impronta tasso su neve.JPG
impronta tasso su neve.JPG (52.65 KiB) Visto 4851 volte

Emanuele Fior
Messaggi: 724
Iscritto il: lun 8 set 2008, 15:56

Re: Impronta di tasso

Messaggioda Emanuele Fior » lun 11 gen 2010, 13:31

La sfocatura impedisce la visione dei dettagli, ma direi tasso anche in questo caso, soprattutto per la distanza dita-unghie.
Il suggerimento di apporre un oggetto per rilevare le dimensioni era di carattere generale, utile soprattutto per identificare per esempio fatte, penne o impronte di ungulati di forma poco chiara. In realtà tasso ed istrice lasciano impronte di dimensioni assolutamente paragonabili tra loro e la variabilità all'interno di ciascuna specie (dovuta ad età, zona climatica e caratteristiche individuali) è superiore a quella media esistente tra le due specie.
Chiedo venia se mi ero espresso male nel post precedente :oops: , ma ringrazio Daniele per aver seguito il suggerimento. ;)

Ciao
Emanuele

daniele ronconi
Messaggi: 625
Iscritto il: mar 25 ago 2009, 19:27

Re: Impronta di tasso

Messaggioda daniele ronconi » lun 11 gen 2010, 13:57

No no, il messaggio era chiaro: è stato un mio eccesso di zelo, dovuto anche a ignoranza, perchè non ero certo che le due impronte potessero essere di dimensioni simili. Ne approfitto per chiedere se in questa zona si hanno avivstamenti certi di istrice. Grazie, Daniele

Emanuele Fior
Messaggi: 724
Iscritto il: lun 8 set 2008, 15:56

Re: Impronta di tasso

Messaggioda Emanuele Fior » lun 11 gen 2010, 15:57

Di istrice si è già parlato alcune volte sul Taccuino; ti segnalo i link di quel che ho trovato sfogliando rapidamente.

viewtopic.php?f=7&t=208

viewtopic.php?f=7&t=533

viewtopic.php?f=7&t=22

Spero il tutto soddisfi la tua curiosità. ;)
Ciao.

Emanuele

daniele ronconi
Messaggi: 625
Iscritto il: mar 25 ago 2009, 19:27

Re: Impronta di tasso

Messaggioda daniele ronconi » lun 11 gen 2010, 19:07

Avevo già letto le segnalazioni tempo fa ma grazie di avermele ricordate: In realtà mi chiedevo se esistesse un censimento sistematico recente dei mammiferi maggiori: avevo presente la mappa http://www.gisbau.uniroma1.it/scheda.php?id=354 che riporta lo studio di Boitani del 2002 (di cui tra l'altro sto leggendo in questi giorni il mitico "Dalla parte del lupo"). Riporta lo stato di diffusione di allora, che dava il Taro come limite estremo (primi avvistamenti erano stati in zona Guardasone, sbaglio?). Insomma mi chiedevo se esite una mappa più recente di riferimento. Rispetto al confine occidentale di allora so di avvistamenti in zona Grotta di Salsomaggiore e val Lecca; è già arrivato nel piacentino? Sta continuando verso ovest?
:!: Si è già senz'altro capito che non sono esperto di nulla, ma appassionato di tutto: scusate dunque se martello con domande magari anche scontate o banali, ma lo scopo del Forum è anche questo, no? Mi piacerebbe anzi vedere altri curiosi al pari mio tartassare ;) i nostri esperti come sto facendo ultimamente (grazie della pazienza e della disponibiltà). Poi magari quando ci si vede offro io il caffè. Saluti, Daniele


Torna a “Segnalazioni”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti