Croco della Befana a 1200 metri

riccardo de vivo
Messaggi: 447
Iscritto il: ven 26 dic 2008, 17:48

Croco della Befana a 1200 metri

Messaggioda riccardo de vivo » lun 9 gen 2023, 12:10

Il 6 gennaio con Silvana abbiamo percorso il nostro crinale tra Cisa e Cirone. Giornata stupenda, con spettacolari mari di nebbia nelle valli. Certo, per essere il giorno della Befana, qualche stranezza i monti la presentavano. A 1200 metri di altitudine abbiamo incontrato i primi Crocus neglectus in fase di sboccio. Inoltre una delle solite arature dei cinghiali ci hanno permesso di osservare la situazione generale degli altri bulbi di Croco: tutti sono in fase di germoglio, variabili tra uno e due centimetri, ed è stato interessante vedere come anche in questa fase iniziale di vegetazione subito si intraveda la puntina violacea del fiore. Abbiamo raccolto una manciata di bulbi, subito diligentemente ripiantati, ma è certo che con questa presenza di cinghiali, ora potentemente coadiuvati anche dagli istrici, di fioriture di crochi ed altre bulbifere le prossime generazioni ne vedranno ben poche. Comunque, restando al presente, se continuerà questo clima, avremo in crinale una fioritura estesa entro gennaio. Altro aspetto inconsueto dei monti a quest'epoca sono stati i branchi di cavalli al pascolo fino a 1400 metri: le praterie sono verdi come a primavera e il cibo quindi non manca. Infine l’osservazione per noi più stupefacente: nel percorso fatto abbiamo incontrato tre beccacce, che palesemente stanno per il momento svernando in quota sui nostri monti. Mai visto una cosa del genere. La beccaccia, per alimentarsi, necessita di terreni non ghiacciati, pochissime riescono a passare l’inverno da noi, ma solo in situazioni climatiche miti e in zone basse e riparate. Di norma chiaramente la beccaccia sverna a sud. Averne incontrate tre, senza naturalmente cercarle, in crinale a gennaio, con segni di pasture protratte nel tempo, significa davvero trovarsi in una situazione climatica anomala ed eccezionale. Mettiamo sotto la foto di uno dei Crochi della Befana a 1200 metri, giusto per testimoniare una fioritura fuori dei parametri temporali consueti. Un saluto a tutti, Silvana e Riccardo.
Allegati
Crocus neglectus.jpg
Crocus neglectus.jpg (98.23 KiB) Visto 2530 volte

subbuteo
Messaggi: 338
Iscritto il: mer 28 mag 2008, 8:20

Re: Croco della Befana a 1200 metri

Messaggioda subbuteo » sab 28 gen 2023, 16:18

l’osservazione per noi più stupefacente: nel percorso fatto abbiamo incontrato tre beccacce

Interessante osservazione, in che punto hai osservato le beccacce?
Grazie
Franco

riccardo de vivo
Messaggi: 447
Iscritto il: ven 26 dic 2008, 17:48

Re: Croco della Befana a 1200 metri

Messaggioda riccardo de vivo » sab 28 gen 2023, 20:55

I tre incontri sono stati tutti qualche decina di metri di dislivello sotto la linea di crinale, poiché questo è il percorso che si tiene andando da Cisa a Fontanini. Tutte e tre le beccacce stazionavano in zona periferica di bosco. Le tre posizioni sono state poco lontano dalla Cisa, quasi sul Valoria e dal Groppo del Vescovo. Le prime due presentavano in loco i segni della pastura di alcuni giorni. La terza dal Groppo del Vescovo è partita lateralmente a una certa distanza, quindi non abbiamo osservato se vi fossero pasture vecchie. Ciao, Riccardo

subbuteo
Messaggi: 338
Iscritto il: mer 28 mag 2008, 8:20

Re: Croco della Befana a 1200 metri

Messaggioda subbuteo » lun 30 gen 2023, 22:41

Grazie per la risposta
Franco


Torna a “Segnalazioni”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 6 ospiti