Ragni da identificare

frahome
Messaggi: 184
Iscritto il: ven 30 ott 2015, 8:21
Contatta:

Ragni da identificare

Messaggioda frahome » mar 17 lug 2018, 0:23

Ecco 7 ragni fotografati nel 2017 nell'area Picasso Food Forest (Via Marconi) a Parma città.
Si riesce ad identificarli?
Grazie!
I primi tre (il primo l'ho trovato su una foglia di basilico raccolto una volta a casa, l'ho subito riportato in campo sperando che l'avvizzimento della foglia non abbia creato problemi a quella che potrebbe essere la prole? Anche il terzo con prole era invece nella lombricompostiera):
Allegati
IMG_2940.jpg
1
IMG_2940.jpg (127.18 KiB) Visto 114 volte
IMG_0850.jpg
2
IMG_0850.jpg (182.45 KiB) Visto 114 volte
IMG_0297.jpg
3
IMG_0297.jpg (108.5 KiB) Visto 114 volte
Ultima modifica di frahome il mar 17 lug 2018, 0:39, modificato 6 volte in totale.

frahome
Messaggi: 184
Iscritto il: ven 30 ott 2015, 8:21
Contatta:

Re: Ragni da identificare

Messaggioda frahome » mar 17 lug 2018, 0:24

Altre tre
Allegati
IMG_9458.jpg
4
IMG_9458.jpg (112.35 KiB) Visto 113 volte
IMG_8654.jpg
5
IMG_8654.jpg (77.19 KiB) Visto 113 volte
IMG_3514.jpg
6
IMG_3514.jpg (152.4 KiB) Visto 113 volte

frahome
Messaggi: 184
Iscritto il: ven 30 ott 2015, 8:21
Contatta:

Re: Ragni da identificare

Messaggioda frahome » mar 17 lug 2018, 0:25

L'ultima della serie. Foto pessima.
Allegati
IMG_0122.jpg
7
IMG_0122.jpg (88.72 KiB) Visto 113 volte

daniele.giovanelli
Messaggi: 81
Iscritto il: dom 30 nov 2008, 21:50

Re: Ragni da identificare

Messaggioda daniele.giovanelli » mer 18 lug 2018, 20:08

Ciao,

Vediamo cosa si può dire:

Foto 1: si tratta di un tomiside ("ragno granchio") del genere Heriaeus, riconoscibile per la colorazione verde e soprattutto per la grande quantità di peli bianchi. Fin qui nessun problema. Per la specie non ci sono sicurezze ma io propenderei per Heriaeus hirtus. Sono state riportate anche altre specie in Italia ed Europa come Heriaeus oblongus, Heriaeus mellotteei, Heriaeus orientalis ma non mi porrei troppo il problema. Si può escludere sicuramente Heriaeus oblongus per via dell'opistosoma molto più allungato ma anche le altre specie dovrebbero avere opistosoma più stretto. Quello della foto (a prescindere da palpi o epigino) mi sembra il classico habitus di Heriaeus hirtus.

Foto 2: si tratta del licoside, (la famiglia dei "ragni lupo"), Hogna radiata. Il genere è monotipico in Italia. Viene chiamata anche "falsa tarantola" perché vicina parente della vera tarantola (Lycosa tarentula). Infatti in origine Latreille la descrisse come Lycosa radiata. A differenza delle vere tarantole questa specie non scava mai tane nel terreno ma si rifugia in anfratti ed è meno sedentaria.

Foto 3: Questa è una Steatoda triangulosa e appartiene alla famiglia dei terididi. Sono ragni di piccola taglia con addome molto arrotondato, spesso quasi sferico. Anche la malmignatta appartiene alla stessa famiglia. Questa specie sinantropica, ovviamente inoffensiva, è molto comune nelle case. Costruisce una tela irregolare che le consente di catturare anche artropodi relativamente grandi come grilli, coleotteri, scorpioni e altri ragni (comprese le false tarantole della foto di prima). Qui si può vedere anche il bozzolo caratteristico.

Foto 4: identificare questo salticide è più difficile. La livrea potrebbe corrispondere ad una forma immatura di Phylaeus chrysops.

Foto 5: probabilmente Mangora acalypha, uno dei nostri araneidi (ragni costruttori di tele circolari) più piccoli. Il genere è monotipico in Italia.

Foto 6: direi Pisaura mirabilis, una specie molto comune nella vegetazione bassa. Il maschio ha la particolarità di catturare una preda che poi offre alla femmina appena prima dell'accoppiamento. In realtà nella checklist italiana vengono indicate anche Pisaura quadrilineata e Pisaura orientalis; in alcuni forum questi ultimi nomi vengono usati parecchio, per lo meno in modo ipotetico. Non saprei ma ho qualche dubbio a riguardo. Posso dire che Pisaura mirabilis (Clerck , 1757) presenta una notevole variabilità intraspecifica. Pisaura quadrilineata è stata descritta da Lucas nel 1838 durante una ricerca effettuata sulle Canarie. Il disegno e la descrizione non mi aiutano molto nel distinguerla da P. mirabilis. Pisaura orientalis è stata descritta da Kulczyński in Russia come sottospecie di P. mirabilis. Nel 1984 anche l'aracnologo italiano P. M. Brignoli ha preso in esame la variabilità del genere Pisaura nel bacino del mediterraneo e analizza sia Pisaura orientalis sia Pisaura quadrilineata (qui chiamata Pisaura maderiana). Però fa riferimento alla morfologia dei genitali e mancano immagini dell'habitus.

foto 7: un tomiside, probabilmente un maschio adulto di Runcinia grammica.

Daniele

frahome
Messaggi: 184
Iscritto il: ven 30 ott 2015, 8:21
Contatta:

Re: Ragni da identificare

Messaggioda frahome » gio 19 lug 2018, 6:17

Grazie Daniele, tutto molto interessante e molto apprezzato il tempo speso a dare i dettagli oltre la determinazione!


Torna a “Specie da identificare”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite