Morimus asper

daniele ronconi
Messaggi: 625
Iscritto il: mar 25 ago 2009, 19:27

Morimus asper

Messaggioda daniele ronconi » sab 21 lug 2012, 18:09

Qui a Banzola per fortuna non è infrequente imbattersi nel Morimus asper, uno dei miei insetti preferiti: qui metto le foto di un bel maschio, di cui tra le altre cose si può osservare in silhouette la curva delle lunghe antenne, che io trovo molto elegante. Daniele Ronconi

morimus asper su mano.jpg
morimus asper su mano.jpg (113.96 KiB) Visto 1702 volte


morimus asper testa.jpg
morimus asper testa.jpg (145.35 KiB) Visto 1702 volte


morimus asper silhouette.jpg
morimus asper silhouette.jpg (136.42 KiB) Visto 1702 volte

anguis
Messaggi: 254
Iscritto il: gio 10 set 2009, 22:12

Re: Morimus asper

Messaggioda anguis » lun 23 lug 2012, 10:34

Ne incontro anch'io in discreto numero in zona Pellegrino P.se. Ho notato un comportamento difensivo particolare: se lo prendi per la" collottola" (passami il termine poco scientifico) si mette a muovere il capo su e giù ed emette un rumore come di cardine non oliato. L'hai osservato anche tu? Oppure sono solo i Morimus di Pellegrino che sono più intelligenti e comunicativi... :D ,ciao,anguis

daniele ronconi
Messaggi: 625
Iscritto il: mar 25 ago 2009, 19:27

Re: Morimus asper

Messaggioda daniele ronconi » lun 23 lug 2012, 12:35

No, non è un dialetto di quelle parti!... In effetti hanno questo comportamento abitualmente, presi per la "collottola" (torace) fanno proprio come dici, penso che si tratti di un comportamento difensivo, atto - per quel che ne so - a sconcertare il predatore ed indurlo a mollare la presa. Anche altri cerambicidi hanno la stessa caratteristica (ricordo bene lo stridio molto forte di Aegosoma scabricorne). Una cosa è certa: quello è l'unico punto dove lo puoi afferrare, dotato com'è di mandibole fortissime, capaci di infliggere ferite dolorose (credetemi!...). Lo stesso vale per molti altri cerambicidi. Ciao

daniele ronconi
Messaggi: 625
Iscritto il: mar 25 ago 2009, 19:27

Re: Morimus asper

Messaggioda daniele ronconi » mer 29 ago 2018, 7:18

Ieri: un altro maschio di Morimus asper a Pieve di Cusignano (ferito)

Morimus asper Pieve Cusignano.jpg
Morimus asper Pieve Cusignano.jpg (107.23 KiB) Visto 939 volte

riccardo de vivo
Messaggi: 370
Iscritto il: ven 26 dic 2008, 17:48

Re: Morimus asper

Messaggioda riccardo de vivo » mer 29 ago 2018, 12:58

Bellissimi questi Cerambicidi. E' capitato anche a me di fotografarli, visto che difficilmente passano inosservati. In particolare uno quest'anno a fine aprile a Oriano, identico a questi, ma con le antenne più corte. Sarà stato un giovane o una femmina? Poi invece, a fine luglio 2014 a Costamezzana, avevo fotografato questo che metto in foto. Si tratta penso di altra specie anche se forse il genere sarà lo stesso: è possibile conoscerne il nome? Ciao Riccardo
Allegati
Cerambice a.jpg
Cerambice a.jpg (182.37 KiB) Visto 932 volte
Cerambice b.jpg
Cerambice b.jpg (176.5 KiB) Visto 932 volte

daniele ronconi
Messaggi: 625
Iscritto il: mar 25 ago 2009, 19:27

Re: Morimus asper

Messaggioda daniele ronconi » mer 29 ago 2018, 13:00

Questo è invece un Aegosoma scabricorne, sempre maschio viste le dimensioni delle antenne

daniele ronconi
Messaggi: 625
Iscritto il: mar 25 ago 2009, 19:27

Re: Morimus asper

Messaggioda daniele ronconi » mer 29 ago 2018, 13:24

Poi Riccardo una annotazione biologica: negli insetti con metamorfosi completa non esiste lo stadio "giovane", ovvero: per coleotteri, farfalle, cicale, libellule... la vita della larva culmina, dopo mesi o anni, con lo sfarfallamento dell'adulto che non cambia più ne' per aspetto ne' per dimensione: due cervi volanti diversi per dimensione significa che hanno avuto diverso sviluppo da larva, ma da adulti quella è la loro taglia. L'esoscheletro infatti non si rinnova più, è definitivo. Diversamente da mantidi, cavallette che crescono progressivamente ma con un aspetto, in piccolo, già simile all'adulto. La cosa è davvero molto articolata, l'ho semplificata al massimo (https://it.wikipedia.org/wiki/Sviluppo_ ... li_insetti). Comunque, la questione è che un coleottero adulto ha quella dimensione lì da quando sfarfalla a quando muore (solitamente non vivono più di due anni). Anch'io ho visto spesso Morimus asper molto più piccoli, ma potevano essere,come dicevo, adulti della stessa specie con sviluppo larvale diverso, mentre il dimorfismo è dato solo dalla lunghezza delle antenne

Emanuele Fior
Messaggi: 722
Iscritto il: lun 8 set 2008, 15:56

Re: Morimus asper

Messaggioda Emanuele Fior » mer 29 ago 2018, 16:33

Come sempre esaustivo e interessantissimo Daniele! Grazie!
Aggiungo solo che spesso, quelli che ci appaiono insetti noti ma di piccole dimensioni, in realtà appartengono ad altre specie. Un paio di esempi sono Dorcus parallelepipedus che sembra una femmina di Cervo volante (Lucanus cervus) in miniatura ed Herophila tristis, che invece assomiglia moltissimo ad un piccolo Morimus asper. Dunque occhio! Talvolta le dimensioni contano! ;-)
Ciao,
Emanuele

Dorcus parallelepipedus http://www.societaentomologicaitaliana. ... ipedus.htm
Herophila tristis http://www.cerambyx.uochb.cz/herophila_tristis.php

riccardo de vivo
Messaggi: 370
Iscritto il: ven 26 dic 2008, 17:48

Re: Morimus asper

Messaggioda riccardo de vivo » gio 30 ago 2018, 12:32

Grazie a tutti per la determinazione e le spiegazioni. L'insetto che avevo fotografato a Oriano in aprile mi pareva semplicemente avere le antenne proporzionalmente inferiori a quello mostrato da Daniele. Penso quindi, dopo le spiegazioni, che potesse essere una femmina. Posto comunque l'immagine.
Allegati
Cerambice rid.jpg
Cerambice rid.jpg (279.16 KiB) Visto 915 volte

Luca Fornasari
Messaggi: 107
Iscritto il: sab 28 set 2013, 8:04
Località: Parma
Contatta:

Re: Morimus asper

Messaggioda Luca Fornasari » ven 31 ago 2018, 9:07

Ciao!
Ho il sospetto che quest'ultimo, invece, possa essere Lamia textor...


Torna a “Segnalazioni”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite