campionati di tiro con l'arco nei Boschi di Carrega

Segnalazioni di luoghi di particolare pregio naturalistico, o minacciati. Report floristici e faunistici.
Eugenio
Messaggi: 19
Iscritto il: lun 16 mag 2016, 22:42

Re: campionati di tiro con l'arco nei Boschi di Carrega

Messaggioda Eugenio » ven 27 mag 2016, 13:09

Emanuele Fior ha scritto: e cito testualmente dal sito FIARC, come "unico fine, cogliere il centro del bersaglio seguendo le regole della simulazione venatoria".


Gentile Emanuele,
per completezza di informazione, dalla stessa sezione del sito va citato testualmente anche quanto segue:

"Il tiro con l'arco é di per se sinonimo di tradizioni appartenute a tempi ormai lontani e perse con il passare dei secoli. La nostra Federazione tende al recupero di questo patrimonio culturale"

e

"L'obiettivo finale che la FIARC si propone é quindi quello di promuovere e praticare un tiro con l'arco ricreativo, adatto a tutti i membri di una famiglia, per una sana vita sportiva ed ecologica a stretto contatto con la natura."

Buina giornata a tutti
Eugenio

Daniela Monteverdi
Messaggi: 383
Iscritto il: ven 30 mag 2008, 10:24

Re: campionati di tiro con l'arco nei Boschi di Carrega

Messaggioda Daniela Monteverdi » ven 27 mag 2016, 16:52

Mi sembra che la discussione stia diventando sterile. Evidentemente ci sono due modi pressoché incompatibili di intendere "ecologia" e "stretto contatto con la natura". Da parte mia avrei anche un diverso concetto di "recupero di un patrimonio culturale", nel senso che c'è patrimonio e patrimonio e che c'è modo e modo di recuperarlo.
Ribadisco il mio auspicio che ci si renda conto di aver fatto un passo falso e che la cosa non si ripeta, almeno qui.
Daniela

Eugenio
Messaggi: 19
Iscritto il: lun 16 mag 2016, 22:42

Re: campionati di tiro con l'arco nei Boschi di Carrega

Messaggioda Eugenio » ven 27 mag 2016, 18:12

Gentile Daniela,
a mio parere (ma è solo il mio parere) la discussione sta diventando un garbato confronto, tra due modi di intendere "ecologia" e "stretto contatto con la natura".
Non ne esiste uno solo, nè due nè tre, ma moltissimi, tutti accomunati da un unico denominatore: il rispetto per la natura, per l'ambiente e gli animali.
L'auspicio che non si ripeta in futuro è lecito, ma faccio una proposta: ritriìoviamoci qui a discutere a Campionati terminati, e tiriamo insieme le somme.
D'accordo?

Cordialmente - Eugenio

Mainosky
Messaggi: 15
Iscritto il: mer 10 giu 2015, 9:34

Re: campionati di tiro con l'arco nei Boschi di Carrega

Messaggioda Mainosky » ven 27 mag 2016, 21:07

ha assolutamente ragione Daniela, questo confronto sta diventando sterile e, io che l'ho aperto, per quanto mi riguarda lo chiudo qui;
ad Eugenio, invece, vorrei dire che io mi auguro che i Campionati si disputino da qualche altra parte e che farò del mio meglio perché ciò avvenga
Massimo

Eugenio
Messaggi: 19
Iscritto il: lun 16 mag 2016, 22:42

Re: campionati di tiro con l'arco nei Boschi di Carrega

Messaggioda Eugenio » ven 27 mag 2016, 21:43

Gandhi ha detto:
"Se vogliamo coltivare un vero spirito di democrazia, non possiamo permetterci di essere intolleranti. L'intolleranza tradisce la mancanza di fede nella propria causa."

Buona serata a tutti

riccardo de vivo
Messaggi: 261
Iscritto il: ven 26 dic 2008, 17:48

Re: campionati di tiro con l'arco nei Boschi di Carrega

Messaggioda riccardo de vivo » sab 28 mag 2016, 18:25

Innanzitutto porgo il mio saluto a Eugenio, che ha ritenuto di aggregarsi al nostro gruppo, per illustrare una posizione di naturalismo sicuramente diversa per la nostra esperienza, ma che comunque a me pare assolutamente corretta e rispettosa. Nel mondo ambientalista, che bene o male frequento e conosco da cinquant'anni, ho incontrato con una certa frequenza un male che spero personalmente di essere riuscito a evitare: quello della purezza degli eletti, noi siamo i puri in un mondo sordido di egoisti, insensibili, distruttori e approfittatori. E chissà perché, più gli ambientalisti erano intellettuali salottieri senza esperienza di vita della Natura e più questo sentimento elitario, con conseguente disprezzo di modi diversi di accostarsi al mondo naturale, diveniva frequente. Io ho riconosciuto grandi amanti e conoscitori della Natura tra cacciatori, pescatori, montanari bracconieri, tanto per nominare qualcuna delle categorie più antitetche al comune sentire dell'ambientalista. Immaginiamo quindi se faccio fatica a immaginare amore per la Natura in Eugenio e nei suoi amici, che hanno scelto una via diversa per stare a contatto con il Creato. Se Emanuele vede un richiamo venatorio nell'attività dell'arciere, vorrei ricordare anche che il Kyudo è pure una via profonda per elevare lo Spirito e parte sempre dalla stessa disciplina, arco e frecce. La valutazione deve essere pragmatica, la manifestazione può veramente arrecare un danno diverso e maggiore rispetto alla normale frequentazione del Parco oppure no. Ma per l'amore del cielo non cerchiamo di giustificare l'ostracismo con argomenti ideologici, richiami venatori, sagome di lupo, etc, perché rischiamo davvero di rientrare in quell'ambientalismo snob, che di certo non ha mai arrecato né cultura, né vantaggi alla causa della Natura. Questa discussione, a me non è affatto parsa sterile, perché ha fatto conoscere aspetti diversi di vivere la Natura e poi è sempre stata condotta con rispetto e buone argomentazioni. Un saluto a tutti Riccardo

Emanuele Fior
Messaggi: 659
Iscritto il: lun 8 set 2008, 15:56

Re: campionati di tiro con l'arco nei Boschi di Carrega

Messaggioda Emanuele Fior » dom 29 mag 2016, 11:21

Ciao a tutti,
Senza scendere in trattati filosofici, ribadisco solo che ritengo incoerente simulare attività venatoria in un parco, uno dei pochissimi luoghi in cui questa è vietata. Ci sono mille altri posti idonei, ma si sceglie il più bello, conservatosi tale proprio perché regolato da norme che hanno voluto e ottenuto con fatica quegli ambientalisti "snob" che venivano citati (ovviamente gli estremisti ci sono anche tra noi, ma son certo di non farne parte per diversi motivi che non credo sia il caso di esporre).
Non mi piace neppure la modalità con cui il parco ha dato il via libera senza alcuna Valutazione di Incidenza, necessaria per eventi del genere. Derogare ai regolamenti per fini politici e di soldini, questo sì mi pare snob ed arrogante.
Tutto qui.

Saluti,
Emanuele

Eugenio
Messaggi: 19
Iscritto il: lun 16 mag 2016, 22:42

Re: campionati di tiro con l'arco nei Boschi di Carrega

Messaggioda Eugenio » lun 30 mag 2016, 10:39

Buongiorno Riccardo, la ringrazio di cuore per il saluto, e la ringrazio per le parole che ha scritto.
Mi pare che siamo all’incirca coetanei, e di persone e ideali ne abbiamo conosciuti ambedue.
Gli “Unti dal Signore”, gli “Eletti”, i “Depositari della Verità” si incontrano in tutti gli ambienti e in tutte le culture, e gli Intellettuali salottieri sono i principali fautori di quel perbenismo ipocrita che a parole risolve tutti i problemi del mondo ma a fatti crea disastri sulla pelle degli altri.

Ho trovato quasi per caso il vostro Forum, ed ho voluto unirmi proprio per cercare di far conoscere “The dark side of the moon” del nostro sport. Purtroppo, per questioni geografiche, penso che non avrò molti altri contributi da dare alle discussioni, e i miei interventi molto probabilmente si limiteranno a questa.

Siamo tra persone intelligenti, ed abbiamo a cuore tutti la stessa cosa.
Mi unisco al suo invito: cerchiamo di non inquinare i sentimenti che animano tutti noi con prese di posizione “a prescindere”, ma documentiamoci bene prima di fare asserzioni o prendere posizione.
Un cordiale saluto

Eugenio

Eugenio
Messaggi: 19
Iscritto il: lun 16 mag 2016, 22:42

Re: campionati di tiro con l'arco nei Boschi di Carrega

Messaggioda Eugenio » lun 30 mag 2016, 10:41

Buongiorno Emanuele,
penso che abbia centrato la questione “Si sceglie il più bello”: esatto, chi ospita amici sceglie il posto più bello per accoglierli, per fare loro onore e lasciare il migliore ricordo possibile.
Inoltre, questo contribuisce a far conoscere luoghi per lo più sconosciuti (io personalmente, e come me tantissimi altri, non avevo mai sentito parlare del Bosco di Carrega).
Tutto questo ben sapendo che l’ambiente non subirà alcun danno.
Le gare infatti si svolgono percorrendo un percorso ben segnalato e delimitato, con piazzole di tiro ben definite: questo soprattutto per motivi di sicurezza.
Quindi, non è vero che ci saranno 700 arcieri “in giro per i boschi” ma è vero che ci saranno 700 arcieri che, a gruppi di 6, seguiranno percorsi ben definiti e segnalati (in genere sentieri già esistenti).
Per quanto riguarda il benestare dato dall’Ente Parco, non credo che non sia stata fatta una valutazione di incidenza: come ho già scritto, la trafila delle comunicazioni da inviare e dei permessi da chiedere per queste manifestazioni (e parlo solo di normali gare che si svolgono settimanalmente in tutta Italia, non di Campionati Italiani) è davvero notevole, e tutti gli Enti preposti devono dare luce verde. Basta un solo divieto e la cosa non si può fare.
E, mi creda, in ballo non ci sono né soldini (non ne girano, è uno sport “povero” senza sponsor, e tutte le spese sono sostenute da noi arcieri), né tantomeno fini politici (quali?), ma solo il desiderio di valorizzare un bene e farlo conoscere, mostrandolo con orgoglio.
Penso che il poter dire “I nostri Boschi sono stati scelti per ospitare il Campionato Italiano di Tiro di Campagna” dovrebbe essere motivo di orgoglio.
Questo, senza alcuna arroganza né snobismo, ma con amore per la natura e desiderio di conoscerla sempre meglio.

Cordialmente
Eugenio

Emanuele Fior
Messaggi: 659
Iscritto il: lun 8 set 2008, 15:56

Re: campionati di tiro con l'arco nei Boschi di Carrega

Messaggioda Emanuele Fior » mar 31 mag 2016, 7:31

Buongiorno Eugenio,
Il problema non sta nel fatto che ci sia danno o meno all'ambiente (a valutarlo non possiamo essere né io, né lei), il problema sta nel fatto che dovrebbe essere la Valutazione di Incidenza a deciderlo, e questa non è stata fatta. Stop.
I soldini di cui parlo sono quelli che arriveranno a pioggia su un territorio che per una settimana ospiterà un migliaio di persone, le quali dovranno pur mangiare e dormire. E questi, per un paio di piccoli paesi limitrofi al parco sono interessi, così come quelli dell'ente stesso di non intralciare questo ingresso di denaro facile. Perché ostacolare, magari con le prassi di valutazione necessarie, interessi economici rilevanti? E questo, traduco, significa interesse politico.
Saluti.
Emanuele


Torna a “Ambienti”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti