Flora protetta.

Argomenti generali, suggerimenti sul forum, richiesta consigli tecnici sulla fotografia naturalistica
enrico bocchi
Messaggi: 758
Iscritto il: sab 31 mag 2008, 12:28

Flora protetta.

Messaggioda enrico bocchi » dom 26 mar 2017, 14:21

Domanda: ma secondo voi la legge regionale che tutela la flora protetta è ancora in vigore?

Saluti, Enrico.
nadia ed enrico, www.florautoctona.com

renato
Messaggi: 314
Iscritto il: gio 29 mag 2008, 6:43

Re: Flora protetta.

Messaggioda renato » lun 27 mar 2017, 7:50

http://demetra.regione.emilia-romagna.i ... gge:1977;2

Si, è ancora in vigore pur modificata varie volte.
Ciao
Renato

enrico bocchi
Messaggi: 758
Iscritto il: sab 31 mag 2008, 12:28

Re: Flora protetta.

Messaggioda enrico bocchi » gio 19 ott 2017, 6:54

Grazie Renato, quindi tecnicamente le specie protette della flora lo sono su tutto il territorio regionale per tutto l'anno? Mi spiego meglio: le orchidee ad esempio sono protette anche quando la loro presenza non è evidenziata dalla fioritura? E come fa chi non s'interessa di flora protetta a saperlo?
nadia ed enrico, www.florautoctona.com

Luigi Ghillani
Messaggi: 1056
Iscritto il: dom 25 mag 2008, 21:01
Contatta:

Re: Flora protetta.

Messaggioda Luigi Ghillani » ven 20 ott 2017, 21:55

....talvolta sono più pericolosi quelli che se ne interessano.
L.

riccardo de vivo
Messaggi: 363
Iscritto il: ven 26 dic 2008, 17:48

Re: Flora protetta.

Messaggioda riccardo de vivo » sab 21 ott 2017, 20:43

Luigi Ghillani ha scritto:....talvolta sono più pericolosi quelli che se ne interessano.
L.


Sante parole! :D Riccardo

enrico bocchi
Messaggi: 758
Iscritto il: sab 31 mag 2008, 12:28

Re: Flora protetta.

Messaggioda enrico bocchi » dom 22 ott 2017, 6:39

Vi riferite al sottoscritto?..... o a voi stessi :)
I veri rosicchiatori di biodiversità sono quelli che tagliano boschi, tracciano piste e sbancamenti, circolano fuori strada, incendiano ecc ecc in barba ai regolamenti vigenti, regolamenti evidentemente redatti in modo che sia veramente improbabile applicarli da parte di personale di vigilanza praticamente inesistente.
nadia ed enrico, www.florautoctona.com

Luigi Ghillani
Messaggi: 1056
Iscritto il: dom 25 mag 2008, 21:01
Contatta:

Re: Flora protetta.

Messaggioda Luigi Ghillani » lun 23 ott 2017, 16:27

Certo poi ci sono sempre quelli che fanno le cose in grande.
L.

riccardo de vivo
Messaggi: 363
Iscritto il: ven 26 dic 2008, 17:48

Re: Flora protetta.

Messaggioda riccardo de vivo » lun 23 ott 2017, 21:01

A me le parole di Luigi hanno richiamato alla mente i raduni degli "orchidofIli" affiliati in associazione: dove passano queste truppe, tra calpestamenti intensivi e raccolte per gli erbari privati, si crea una devastazione che compete bene con quella degli ungulati. Quindi nel mio caso, Enrico, pensavo proprio alle tristezze di casa mia e non certo a te! Ciao Riccardo

enrico bocchi
Messaggi: 758
Iscritto il: sab 31 mag 2008, 12:28

Re: Flora protetta.

Messaggioda enrico bocchi » ven 27 ott 2017, 6:34

Riccardo e Luigi, mi avete dipinto uno scenario veramente desolante, che non avevo ben presente; io però potrei farvene vedere di peggiori, ma non voglio.
Provo invece a spostare la vostra attenzione su un altro caso di flora protetta distrutta da persone ignare dell'esitenza della legge che la tutela: recentemente ho notato un tasso sradicato da un escavatore e lasciato sul posto a Valditacca in pieno PNATE, considerato che la specie è ben evidente tutto l'anno, è ammissibile che chi opera all'interno di un area protetta non sia a conoscenza della legge sulla tutela della Flora Protetta?
nadia ed enrico, www.florautoctona.com

Emanuele Fior
Messaggi: 701
Iscritto il: lun 8 set 2008, 15:56

Re: Flora protetta.

Messaggioda Emanuele Fior » ven 27 ott 2017, 22:08

Ciao.
Dal mio punto di vista è il solito noto discorso: le ditte che lavorano (che siano in area protetta o meno) sono del tutto ignare del contesto naturale in cui operano e non hanno la minima idea di cosa abbia più o meno valore ambientale. Responsabili comunque? Non so, si può aprire il dibattito... in ogni caso è chiaro che un ruolo di primo piano, se si opera in area protetta, l'ha l'ente gestore, che si dovrebbe assumere l'onere di guidare passo passo gli interventi, vigilare ed eventualmente reprimere e punire i lavori fatti male. E qui si apre un altro enorme buco nero legato alle possibilità sia economiche che di personale di cui dispongono tali enti, spesso in difficoltà per cause esogene.
Un classico esempio di circolo vizioso. Io non saprei come risolverlo ed in ogni caso non credo potrei farlo come semplice cittadino. Si accettano suggerimenti.
Ciao,
Emanuele


Torna a “Varie”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite