Ricordo di Angelo De Marchi

Argomenti generali, suggerimenti sul forum, richiesta consigli tecnici sulla fotografia naturalistica
Enrico Ottolini
Messaggi: 149
Iscritto il: gio 22 mag 2008, 15:12

Ricordo di Angelo De Marchi

Messaggioda Enrico Ottolini » gio 23 ott 2014, 15:06

Cinque anni fa ci lasciava Angelo De Marchi, ricercatore, divulgatore, autore della "Guida Naturalistica del Parmense" (tre edizioni, a partire dal 1974) e tanto altro.
Un gruppo di amici del Taccuino sta preparando alcune iniziative per ricordarlo. Dal momento che le informazioni biografiche sono frammentarie, abbiamo chiesto alla moglie, Milena Ceparano, di aiutarci a ripercorrere sinteticamente la vita di Angelo. Abbiamo così messo insieme una prima biografia, che riporto di seguito.
Chi avesse informazioni da aggiungere (soprattutto sull'attività scientifica di Angelo), foto, immagini o anche ricordi personali è invitato a condividerli sul Taccuino.
Grazie.

Angelo De Marchi nasce a Parma il 15 marzo del 1940 da Mario De Marchi ed Elisa Vismara. Il padre, scrittore di commedie dialettali, fonda la Famja Pramzana insieme ai fratelli Chierici. La famiglia è anche amica del poeta Pezzani.
Lo zio Edoardo Vismara lo indirizza verso l’entomologia e la natura vedendo che il ragazzo ne è portato.
Dopo le scuole medie si iscrive all’ITIS e lo frequenta a Parma per il biennio e a Reggio Emilia per il trienni di specializzazione in Elettrotecnica.
Frequenta gli scout cattolici AGESCI.
Terminati gli studi va a lavorare a Milano all’Alfa Romeo ma è troppo attaccato alla su città e non riesce ad ingranare. Tornato a Parma lavora nello studio di suo padre e si dedica agli studi naturalistici.
Si iscrive all’università alla facoltà di Giurisprudenza ma dopo pochi esami si ritira ritenendola troppo arida e nell’autunno del 1965 si iscrive a Geologia e finalmente si trova nel suo elemento. Nello stesso anno organizza a Parma la prima mostra entomologica assieme allo zio Edoardo, al Prof. Zucchi e a Don Boarini.
Il 9 febbraio 1966 si sposa con Milena Ceparano e dal matrimonio nasceranno 4 figli: Leonardo, Davide, Ilia e Claudia.
Negli anni successivi fonda il gruppo naturalistico parmense.
Nel 1969 si laurea con il massimo dei voti in scienze geologiche con una tesi sulle cave di Corniglio. Dopo la laurea insegna Fisica e Matematica all’ITIS di Reggio Emilia ma dopo pochi anni lascia e diventa ricercatore universitario nella facoltà di Ecologia guidata da Don Moroni.
Nel 1974 scrive la prima edizione della Guida Naturalistica del Parmense.
Nel 1980 scrive la seconda edizione della Guida Naturalistica del Parmense.
Nel 1992 scrive il libro Ecologia funzionale
Nel 1997 scrive la terza edizione della Guida Naturalistica del Parmense.
Tra le altre attività ricordiamo nei primi anni 80 il lavoro presso il metanodotto ENI in Africa per la ricerca di pozzi d’acqua per gli operai che vi lavorano.
Nei tardi anni 90 si iscrive all’Università di Venezia dove conseguirà la laurea in filosofie orientali.
Una volta in pensione si dedica ad altre attività: ricerca di pozzi d’acqua in Africa, viaggi geologici all’estero, scrittura di articolo filosofici ecc.
Muore a causa di un infarto il 22 ottobre 2009 a Colombo, in Sri Lanka, dove si era recato per studiare le filosofie del luogo.
Allegati
Gazzetta26_10_09.jpg
Gazzetta26_10_09.jpg (217.41 KiB) Visto 853 volte

Torna a “Varie”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite